Le zucchine alla scapece sono una preparazione tipica campana, ma sono molto comuni (assieme alle melanzane) un po’ in tutto il meridione d’Italia. Il termine scapece, di origine spagnola (escabeche) sta a indicare una preparazione basata sulla frittura dell’ingrediente in questione (di solito pesce o verdura) e la successiva aromatizzazione nell’aceto.

La preparazione alla scapece è molto simile a quella “al carpione”(molto utilizzata in Piemonte) e “al saor” (quest’ultima tipica del Veneto); tutte queste preparazioni, originariamente nacquero per meglio conservare gli alimenti e poi divennero ricette tipiche e tradizionali.

L’acidità della preparazione a scapece dipende dai gusti personali e dal tipo di aceto utilizzato: se preferite un’acidità leggera diluite l’aceto utilizzato con l’acqua fino a raggiungere il grado di acidità desiderato. Se invece amate il gusto forte dell’aceto, diluitelo di meno o sostituite parte dell’acqua con altro aceto.

Potete preparare allo stesso modo le melanzane , scottandole in acqua al posto di friggerle e tagliandole a fettine o a striscioline.

Related Projects