La città sorge all’inizio della Costiera amalfitana, per chi proviene da Salerno. Il sito cittadino è caratterizzato da due insediamenti urbani, il primo posto su di un terrazzamento degradante verso il mare ove ha trovato origine il centro di Vietri, l’altro la spiaggia, ove sorge un imponente torre saracena.

Il principale monumento della città è la chiesa di S.Giovanni Battista, posta nel centro cittadino, la cui cupola è stata realizzata mediante copertura in maiolica. La chiesa è stata fondata alla fine del X secolo, ma ha subito diversi restauri e rifacimenti. Realizzata su di un’unica navata, ha la forma di una croce latina. Nel suo interno vengono conservate un a croce greca del XV secolo.

Storicamente Vietri sul Mare le sue origini risalgono all’antica Marcina, di origine etrusca.Ritrovamenti recenti, sia lungo la costa che nel centro cittadino hanno portato alla luce alcune tombe con corredo ceramico di stile corinzio,una struttura termale romana, così come di unmurus reticalatum. E’ stata dapprima soggetta al dominio del ducato di Salerno, poi sottoposto all’Abbazia della SS Trinità di Cava dei Tirreni e, solamente agli inizi del XVIII secolo divenne comune indipendente.

Altri centri minori del territorio vietrese sono le frazioni di Molina, ricco di mulini ad acqua e di Raito, dove sorge la chiesa di S. Maria delle Grazie, realizzata nel XVI secolo, nel cui interno è possibile ammirare degli affreschi della scuola del Solimena.

A Vietri Sul Mare è stata sempre fiorente la produzione delle ceramiche, grazie soprattutto ai commerci con le isole e la Calabria. Le origini storiche della ceramica vietrese risalgono sicuramente al XV secolo. Caratteristiche sono state le fornaci a tre piani, che sfornavano migliaia di piatti e vasellame vario, riportanti motivi decorativi locali, che riprendono scene agresti, richiamando i colori locali.

Related Projects